Meteomag.it
Meteo-Appassionati con gli occhi puntati al cielo ma con i piedi per terra

25 Ottobre, Previsioni fino al 31 Ottobre

Intensa fase di maltempo alle porte. Saranno piogge localmente anche abbondantissime

0 711

Saccatura Artica sull’Europa Occidentale porterà intenso maltempo sull’Italia

Attesi accumuli di pioggia eccezionali e grandi nevicate sulle Alpi

PREVISIONI  OTTOBRE

25 OTTOBRE,  PREVISIONI FINO AL 31 OTTOBRE E SGUARDO OLTRE 

Non è durato per fortuna a lungo il caldo eccezionale che, nella giornata del 24 Ottobre ha dispensato diversi record di caldo in Pianura Padana.

Molte località hanno raggiunto e superato i +30°C e in alcuni casi si sono superati persino i record di caldo del 2011 e del 1997.

Puoi leggere tutti i dettagli di una anomala giornata favonica da record in questo articolo di Nunzio Larosa:  Foehn Al Nord-Ovest: Valori Record Del 24 Ottobre 2018.

Dopo il Caldo, la Saccatura Artica Franco-Iberica e la Sciroccata sull’Italia

Va subito detto che il caldo eccezionale del 24 Ottobre è stato in gran parte dovuto ad effetti adiabatici/favonici dovuti all’avvicinamento da Ovest di un caldo Anticiclone con la consueta Bolla Calda Africana al seguito.

Tra oggi e Sabato, il caldo Anticiclone Oceanico migrerà sempre più a Nord fin sull’Islanda.

Questo allungamento verso Nord dell’Anticiclone, favorirà la formazione di una imponente Saccatura Artica che si allungherà sempre più verso Sud fin sulle coste del Marocco.

Una massa d’aria Artica scenderà lungo il Golfo di Biscaglia tuffandosi sulla Francia e Spagna.

Una piccola porzione di quest’aria fredda raggiungerà le Alpi Occidentali mentre dal Ticino verso Est saranno intense correnti caldo-umide Sciroccali a far ammassare nubi minacciose lungo l’arco Alpino ma poi anche sul resto d’Italia.

La Saccatura Artica è infatti prevista allungarsi dai Pirenei verso il Tirreno fluttuando ora verso l’Italia, ora verso Gibilterra.

Quando prevarranno le correnti umide Sciroccali si avranno condizioni di variabilità al Sud e di intenso maltempo al Nord.

Mentre prevarranno le correnti fresche di Libeccio, si avranno condizioni di intenso maltempo nelle zone sopravvento con anche forti temporali e nubifragi al seguito.

Condizioni favorevoli per nubifragi o alluvioni

Non sappiamo ancora esattamente la portata dell’evento e solo la Protezione Civile potrà emettere allerta, e comunque non è possibile davvero farlo con così largo anticipo.

Da qua al fine settimana molte cose potrebbero cambiare.

Inizialmente si ipotizzavano piogge alluvionali sulla Liguria di Ponente e Centrale e più a Nord tra Biellese e Vco.

Le ultime proiezioni indicano piogge notevoli dalla Lombardia al Triveneto con picchi massimi sul Friuli Venezia Giulia ma, piogge importanti potrebbero, a più riprese scendere anche verso il Centro-Sud Italia.

Le giornate peggiori per il maltempo potrebbero essere tra Sabato, con iniziale maltempo al Nord Ovest, e soprattutto Domenica-Lunedì e Martedì ma con tira-e-molla il maltempo potrebbe proseguire tra alti e bassi anche oltre.

Al momento i modelli matematici indicano che un Anticiclone potrebbe tentare di ristabilirsi sull’Europa tra il 2 ed il 3 di Novembre ma parrebbe solo temporaneo.

Dopo il 4 di Novembre infatti una nuova Saccatura potrebbe formarsi tra l’Europa Occidentale e quella Centrale.

Vedremo come andrà a finire.

MOLTISSIMA NEVE ATTESA SULLE ALPI

Fin’ora di neve se n’è vista ben poca sulle nostre desolate Alpi.

La scorsa settimana una intensa nevicata ha imbiancato l’Appennino Centro-Meridionale, soprattutto quello abruzzese, ma al Nord la neve vera per ora latita ancora.

Ora le cose sono previste cambiare radicalmente.

Sabato inizierà a nevicare copiosamente sulle Alpi Occidentali.

Inizialmente a quote elevate e prossime ai 2500 mt poi la quota neve scenderà rapidamente con l’intensificare delle precipitazioni.

Entro Sabato sera la neve scenderà a 2000 mt / 1800 mt.

Da domenica sui settori più Occidentali si abbasserà ulteriormente fin verso i 1500 mt nei versanti interni e fin verso i 1800 mt sulle zone esterne.

La quota rimarrà inizialmente più alta sui settori Centro-Orientali dove soffierà più teso e mite lo Scirocco per poi abbassarsi rapidamente con l’arrivo del più fresco Libeccio.

LA PREVISIONE NEL DETTAGLIO

Come si conviene per ogni evento meteo di notevole intensità, tutta la fenomenologia associata al peggioramento si potrà stabilire, con esattezza, soltanto entro le 24 ore precedenti all’evento stesso.

Ad oggi possiamo solo tracciare l’evento a grandi linee.

SABATO 27 OTTOBRE 2018
INIZIA IL FORTE MALTEMPO AL NORD OVEST

L’evento ha inizio sin dal mattino con piogge che sin dal pomeriggio di Venerdì 26 giungono sul Nord Ovest a partire dal Piemonte e Lombardia, poi anche Liguria.

Sabato le piogge maggiori dovrebbero concentrarsi sulla Liguria tutta ma in particolar modo da Genova alla Provenza.

Qua il maggior potenziale per nubifragi, soprattutto tra Provenza-Nizzardo-Imperiense.

Dalla Dora Baltea all’Adamello piogge sempre più copiose dovrebbero iniziare a cadere con intensità oraria talvolta persino da nubifragio.

Nevicherà attorno ai 2000 mt sulle Alpi e 2200/2400 in Appennino.

Nel resto d’Italia sarà una ventosa giornata Sciroccale con venti tesi su tutta la penisola e mari agitati con mareggiate nelle zone sopravvento.

Entro il pomeriggio potrebbe iniziare a piovere nel Lazio-Umbria e Corsica-Sardegna.

Entro sera le piogge anche su Sicilia e Calabria Jonica ma anche nelle zone interne dell’Appennino Centro-Meridionale con vento teso e variabilità con schiarite sui litorali adriatici.

Tra la sera e la notte arrivano piogge copiose anche sul Veneto-Trentino e Friuli.

DOMENICA 28 OTTOBRE 2018
DIFFUSO E FORTE MALTEMPO TRA NORD E CENTRO ITALIA

L’evento maggiore oggi è previsto dalla Lombardia al Friuli e poi dalla Liguria alla Campania.

Piogge, rovesci, temporali e ulteriori potenziali nubifragi dalla Dora Baltea alla Carnia e poi più a Sud da Genova a Napoli.

Nevicherà abbondantemente sulle Alpi attorno ai 2000 mt ma anche a 1800 sui settori Occidentali.

Neve oltre i 2500 mt in Appennino.

Potrà piovere a tratti abbondantemente anche in Sardegna, Sicilia e Calabria Jonica.

Sottovento l’Emilia Romagna con probabile ombra pluviometrica e le zone costiere dalle Marche alla Puglia e Basilicata.

Ancora venti tesi da Scirocco o Ostro su tutta Italia con mari agitati e mareggiate nelle zone sopravvento.

Probabili schiarite sul basso Piemonte e Liguria di Ponente ma entro sera peggiora nuovamente per l’arrivo di una nuova Perturbazione.

In serata e nottata nuove piogge ovunque sui settori Occidentali d’Italia ma possibili nubifragi sul Lazio e Toscana. Schiarisce in Sardegna, peggiora leggermente sull’Adriatico.

LUNEDì 29 OTTOBRE 2018
NUOVO FORTE MALTEMPO AL NORD OVEST E NORD EST POSSIBILI NUBIFRAGI

La giornata di oggi potrebbe vedere un sensibile peggioramento interessare gran parte del Nord e Centro Italia.

Entro il pomeriggio piogge molto consistenti fino al nubifragio potrebbero interessare soprattutto il Piemonte, in particolar modo l’alto Piemonte dove sono attesi accumuli di pioggia importanti e oltre i 100 millimetri.

Alcune proiezioni indicano addirittura accumuli di pioggia superiori ai 300/400 mm in giornata facendo scattare allerta da dissesti idro-geologici (da confermare ovviamente).

Piogge molto forti o copiose anche in Liguria e dalla Lombardia Orientale al Friuli Venezia Giulia con quota neve attorno ai 1500/1800 sulle Alpi Occidentali e 2000/2400 mt sui settori Orientali.

In serata la quota neve potrebbe scendere a 2200/2000 mt sull’Appennino Centrale.

Sempre in serata potrebbe iniziare a piovere copiosamente dalla Liguria Centrale all’alta Campania.

Qua molte le zone a rischio nubifragio, soprattutto le zone costiere tirreniche dove arriverebbero forti mareggiate da Libeccio.

Tempo variabile con scrosci di pioggia sul resto d’Italia dove soffia teso il vento di Scirocco tra Sicilia, Calabria-Basilicata e Puglia ma di Libeccio dalla Campania verso Nord.

Entro sera per fortuna il maltempo scema sul Piemonte e Liguria spostandosi dal Veneto Settentrionale alle coste della ex Jugoslavia.

Migliora leggermente anche nel resto d’Italia ma con rovesci sparsi ovunque.

MARTEDì 30 OTTOBRE 2018
ARRIVA ARIA FREDDA, POSSIBILI NEVICATE A QUOTE MEDIO-BASSE E VARIABILITA’ VENTOSA SUL RESTO D’ITALIA

La previsione per oggi è abbastanza incerta.

Saccatura Artica protesa verso l’Italia o in ritirata verso il Marocco?

Comunque vada oggi avremo più variabilità, meno rovesci e temporali, relegati per lo più tra Toscana e Lazio.

Nevicherà sulle Alpi Occidentali anche fin verso i 1200/1000 mt mentre fino a 1500 sui settori Orientali, con neve a 2000/1800 mt sull’Appennino, forse a quote anche più basse in Toscana e Sardegna.

Libeccio teso e fresco porta variabilità con docce temporanee in molte zone d’Italia ma con sole e Garbino sulle coste Adriatiche sottovento al Libeccio con sole e temperature in aumento.

Entro sera peggiora nuovamente tra Liguria e Piemonte.

MERCOLEDì 31 OTTOBRE 2018
NUOVO MALTEMPO AL NORD OVEST E SU SICILIA

La nuova Perturbazione potrebbe giungere al Nord Ovest sin dal mattino ma sarà tra pomeriggio-sera e notte che sul Piemonte si avranno le condizioni di maggior maltempo.

Piogge in progressiva intensificazione anche sulle province di Savona e Genova ma soprattutto sul Canavese-Biellese-Vercellese-Novarese-Vco e Canton Ticino.

Maltempo forte anche sulla Valle d’Aosta Orientale, meno su quella Occidentale.

Sul resto d’Italia peggiora in Toscana ed Emilia poi entro sera anche sul Trentino e Lazio.

Tra sera e notte peggiora anche in Sicilia con piogge e temporali in intensificazione.

PER I GIORNI A SEGUIRE

Poche certezze per ora sul tempo che farà nei giorni a seguire poiché i modelli matematici non hanno ancora visioni univoche sull’eventuale evoluzione del tempo.

Una Saccatura Artica potrebbe continuare a protendersi verso Est fin sull’Italia ma potrebbe anche puntare nuovamente verso Gibilterra e Marocco.

Se la Saccatura punterà verso l’Italia avremo ulteriore nuovo pesante maltempo intermittente ma se punterà verso il Marocco, lo Scirocco potrebbe portare variabilità su molte zone d’Italia con maltempo relegato al solo Nord Ovest.

Entro il 3/4 di Novembre però potrebbe anche tornare un Anticiclone mite che potrebbe riportare sole diffuso ed aumenti termici.

25 OTTOBRE,  PREVISIONI FINO AL 31 OTTOBRE E SGUARDO OLTRE –
scritto e pubblicato da Angelo Giovinazzo@Metomag
info@meteomag.it 

SEGUI IN DIRETTA CHE TEMPO FA SULL’ITALIA CON IL NOWCASTING:

Osserva le piogge in diretta con la nuova pagina RADAR METEOROLOGICI
Segui la distribuzione delle nuvole sull’Italia ed Europa con la pagina SATELLITI METEO/IMMAGINI SATELLITARI

Guarda che tempo fa sulle Alpi grazie alla pagina Meteo Monte Rosa con immagini webcam live, temperature e statistiche.

Aggiornamento meteo precedente:

18 Ottobre, Previsioni fino al 24 Ottobre

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: